Famiglia Salesiana

Cooperatori Salesiani

"L'opera dei Cooperatori si dilaterà in tutti i paesi, si diffonderà in tutta la Cristianità. La mano di Dio la sostiene! I Cooperatori saranno quelli che promuoveranno lo spirito cattolico. Sarà una mia utopia, ma pure io la tengo!"
(Don Bosco, MB XVIII, 161)

Il Cooperatore è un cattolico che vive la sua fede ispirandosi, entro la propria realtà secolare, al progetto apostolico di Don Bosco, per contribuire alla salvezza della gioventù porzione più delicata e più preziosa dell'umana società. Attua il suo impegno e vive lo spirito salesiano nelle ordinarie situazioni di vita e di lavoro.

Vive la vocazione all'apostolato, comune a tutti i cattolici, seguendo la vocazione salesiana che lo porta ad impegnarsi nella missione giovanile e popolare di Don Bosco ed a viverne lo spirito.

Cooperatori Lazio

  • COORDINATORE REGIONALE: Alessandro Spalvieri
  • DELEGATA REGIONALE: Sr Ornella Antonelli

Attualmente le sedi locali del Lazio sono:

  • Colleferro delegata Sr Palmira Vacca
  • Ladispoli delegata Sr Antonietta Cetrone
  • Roma – Via Appia delegata Sr Michelina Caputi
  • Roma – Via Dalmazia delegata Sr Elisabetta Massimi
  • Roma Cinecittà delegata Sr Gabriella Garofoli
  • Roma T. B. Monaca delegata Sr Paola Pompei

Cooperatori Sardegna

  • COORDINATORE REGIONALE: Luisa Rossi
  • DELEGATA REGIONALE: Sr Rita Pretti

Attualmente le sedi locali in Sardegna sono:

  • Sanluri delegata Sr Rita Pretti
  • Monserrato delegata Sr Angela Pilloni
  • Guspini delegata St Rosaria Cadellano

Cooperatori Umbria

Attualmente la sede locale è:

  • Cannara delegata Sr Claudia De Spirito Cannara / Presidente Nila Capolungo

Ex-allieve

L'associazione delle Exallieve nasce nel Marzo del 1908 a Torino, tra un gruppo di ex-oratoriane, guidate da Don Filippo Rinaldi e dalla Direttrice Sr.Caterina Arrighi.

Riconosciuto come gruppo laicale dalla superiora generale delle FMA, il gruppo delle Exallieve comprende chi educato dalle FMA indipendentemente dalla loro appartenenza religiosa, culturale, sociale ed etnica, riconosciuti i valori salesiani, li assume nella propria vita attraverso un adeguato cammino formativo. E' impegnato con stile salesiano a favorire, sostenere promuovere difendere la persona, con speciale attenzione ai giovani, soprattutto se poveri, la dignità della donna, della famiglia e della vita.

La Confederazione Mondiale delle Exallieve e degli Exallievi delle Figlie di Maria Ausiliatrice, di seguito denominata anche Associazione, è un’associazione laicale senza scopo di lucro, promossa dall’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice.

Essa si pone nella società come naturale espressione laicale di un Istituto religioso educativo che opera nelle diverse culture.

La spiritualità dell’Exallieva/o delle FMA si fonda sul Sistema Preventivo di Don Bosco che si esprime nel trinomio ragione – religione – amorevolezza. Oggi si ripropone come un progetto di educazione integrale che risponde alle più autentiche aspirazioni della persona: la ricerca della verità, il bisogno di Dio, l’apertura alla relazione.

Si arricchisce inoltre degli elementi carismatici dello stile di vita e di azione di Maria Mazzarello che, con “genio femminile”, ha condiviso con Don Bosco lo stesso progetto educativo, ispirato a Maria: “prendersi cura...”; vivere con semplicità e gioia il quotidiano; riempire ogni piccolo gesto dell’esperienza di Dio; inserirsi nel territorio testimoniando e promovendo la cultura della vita e della solidarietà.

Nella nostra Ispettoria esistono tre Federazioni ex-allieve a cui corrispondono tre Consigli di Federazione:

Federazione "Santa Agnese" di Roma - Via Dalmazia

DELEGATA Regionale Sr Ornella Antonelli ù
Presidente Marta Bovese

Unioni

  • Unione Roma via Dalmazia Delegata Sr Livia Palumbo
  • Unione Roma Via Ginori Delegata Sr M. Luisa Tomei
  • Unione Roma Sacro Cuore Delegata Sr Paola Casali
  • Unione Civitavecchia Delegata Sr Maria Serra
  • Unione Colleferro Delegata Sr Antonietta Carta

Federazione Romana "Santa Cecilia"

DELEGATA Regionale Sr Anna Ronchetti
Presidente Daniela Mattia

Unioni

  • Unione Giovanni XXIII di Cinecittà Delegata Sr Ashing Violet
  • Unione Madre Mazzarello Delegata Sr Ornella Antonelli
  • Unione Don Bosco Via Appia Delegata Sr Michelina Caputi
  • Unione Umbria di Cannara Delegata Sr Claudia De Spirito
  • Gruppo di Gubbio Presidente Pina Palazzari
  • Unione dell’Aquila Delegata Sr Rita Francescangeli
  • Gruppo di Gioia dei Marsi Presidente Teresa Aureli
  • Unione di Scanno Sr Silvana Crobu

Federazione Regionale delle "Figlie di Maria Ausiliatrice" - Sardegna

DELEGATA REGIONALE Sr Leonarda Pitzolu
Presidente Iride Peis

Unioni

  • Unione Macomer Delegata Sr Leonarda Pitzolu
  • Unione Guspini Delegata Sr Rosaria Cadellano
  • Unione Monserrato Delegata Sr Leonarda Pitzolu
  • Unione Nuoro Delegata Sr Giovanna Latte
  • Unione Sanluri Delegata Sr Rita Pretti
  • Unione Senorbì Delegata Maria Carmela De Cesare

Famiglia Salesiana

L'Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice "è parte viva della Famiglia salesiana che attualizza nella storia, in diverse forme, lo spirito e la missione di Don Bosco esprimendone la novità perenne.

La Famiglia Salesiana, erede della spiritualità di don Bosco, percorre il cammino di santità da lui tracciato; è una realtà ecclesiale che vive e testimonia missione di educare ed evangelizzare i giovani, secondo il carisma di don Bosco.

E' una Famiglia spirituale numerosa, che conta molti gruppi.

Salesiani, Figlie di Maria Ausiliatrice e Cooperatori salesiani fondati direttamente da don Bosco.

Ex-allieve/i, Volontarie di don Bosco, e molti altri Istituti e gruppi religiosi fondati da altri salesiani.

Tale ricchezza di gruppi nasce da un'intuizione di don Bosco.

La missione di salvare la gioventù povera e abbandonata lo porta a cercare sin dall’inizio una rete di collaborazione, una famiglia, un gruppo di persone e di forze apostoliche diverse fra loro, unite da uno stesso spirito apostolico e da un medesimo metodo educativo: il Sistema preventivo.

Egli sogna in grande... e non da solo!

Sistema preventivo

Il Sistema Preventivo è il metodo ideato e maturato gradualmente da Don Bosco

San Giovanni Bosco, educatore eccezionale, crea un sistema di educazione che sviluppa tutta la persona: corpo, cuore, mente e spirito. Esso favorisce la crescita e la libertà, mentre mette il ragazzo al centro di tutta l'opera educativa.

Mentre nell’Italia del 19° secolo è in vigore il metodo repressivo, Don Bosco sperimenta e “inventa” un metodo educativo che chiama "Sistema Preventivo".

Il metodo preventivo si esprime in una presenza educativa assidua che, nello spirito di famiglia, instaura relazioni semplici e positive, basate sulla fiducia, sull'impegno e sulla gioia quotidiani.

Intende formare "buoni cristiani e onesti cittadini" attraverso uno stile educativo che si riassume nel trinomio "ragione, religione e amorevolezza","in ogni giovane, anche nel più svantaggiato, c'è un punto accessibile al bene".

Tale pedagogia crea un clima positivo, fatto di incoraggiamento di fiducia e di protagonismo giovanile, fa emergere le risorse migliori del ragazzo e lo guida a scegliere ciò che è buono, sano, gioioso e fa crescere la vita.

Propone a tutti i giovani Gesù Cristo come ideale di vita, e Maria come madre e maestra nel cammino.

Segreto dell’educazione è la bontà e la presenza costante ma discreta dell’educatore all'educatore di camminare con i giovani verso una meta alta: la santità. 

Approfondimenti

Iscriviti alla newsletter

captcha 

Contatti e Informazioni