Roma – Maria Ausiliatrice

1038 Comments off dove, Lazio
Attività ispettoriali
Casa per Ferie
Pastorale universitaria
Collaborazione con USMI
Insegnamento in altre Scuole FMA

Nel 1891 il Rettor Maggiore, Don Michele Rua scrive una lettera al Santo Padre SS. Lene XIII chiedendo la benedizione per le prime Figlie di Maria Ausiliatrice che sarebbero venute a Roma accanto ai salesiani del Sacro Cuore.

Il 5 dicembre 1891 le prime sette suore, di cui Sr Marina Coppa è la Direttrice, partite da Nizza Monferrato, entrano nel villino Quagliotti, in Via Magenta,10, villino preso in affitto, procurato e sostenuto dalla beneficenza della signora Sofia Mariani De Filippi. Iniziano la loro attività occupandosi della lavanderia, del guardaroba dei salesiani e della catechesi parrocchiale.

Per potersi dedicare meglio alla gioventù e alle opere apostoliche, nel 1894 le suore acquistano il Villino Cantoni, in Via Marghera, 65. Qui potenziano l’Oratorio e iniziano il Laboratorio

Lungo il corso degli anni le opere si moltiplicano e iniziano a nascere le prime vocazioni. La casa accoglie le aspiranti alla vita religiosa, le postulanti e le novizie fino al 1899 quando si prenderà in affitto la villa di Bosco Parrasio sul Granicolo e lì si trasferiranno le giovani in formazione

Nel 1895 ha inizio la scuola materna e la scuola elementare.

Nel 1904 si apre la scuola di musica e in seguito l’educandato: le ragazze che frequentano le scuole superiori si recano alla scuola statale.

Nel 1912 la casa accoglie le profughe italiane residenti in Turchia e nel 1915 le orfane e le profughe del terremoto della Marsica.

Nel 1913 si tiene una scuola festiva per domestiche analfabete

Nel 1914 si istituisce l’Associazione delle Ex-allieve

La posizione geografica e la sua vicinanza alla Sede del Papato rende la casa punto di riferimento di continui passaggi: superiori, madri, missionarie, consorelle, per cui diviene presto il centro dell’incipiente ispettoria S. Cecilia che sarà eretta canonicamente nel 1908.

Nel 1933 la casa si amplia con l’acquisto della villa adiacente di proprietà dei Conti Antonelli. Si rompono i muri di divisione e la portineria si sposta in Via Marghera, 59.

Nel 1936 le educande che frequentano la Scuola Magistrale passano definitivamente in Via Dalmazia. Nello stesso anno si apre il pensionato universitario. Durante la guerra si ospitano le orfane e si offre a molti ebrei la possibilità di un rifugio.

Il 26 maggio 1953 è una giornata di intensissimo dolore e di profondo lutto: crolla improvvisamente la cappella e muoiono sotto le macerie due suore dell’Ispettoria Napoletana: Sr Maria Alladio, Economa Ispettoriale e Sr Genoveffa Orlando. Numerose offerte permettono di ricostruire la cappella e di consacrarla l’8 dicembre 1954.

Nel 1955 si aprono i Corsi di Formazione Professionale che si potenziano nel 1965 con la chiusura della scuola elementare, dovuta alla scarsità di iscrizioni

Nel 1971 si chiude la scuola materna per insufficienza di locali e nel 1974 si chiude anche il pensionato universitario per ospitare, secondo il desiderio delle superiore, le suore studenti di Castelfogliani che continueranno i loro studi al Magistero “Maria Assunta”.

Nel 1971, con la divisione e la formazione di due nuove ispettorie: S. Agnese e S. Cecilia, Via Marghera resta sede solo di S. Cecilia che comprende le case di una parte di Roma e del Lazio, delle case dell’Umbria, delle Marche e dell’Abruzzo.

La casa continua ad ospitare suore studenti, a tenere i Corsi di Formazione Professionale e l’Oratorio quotidiano con varie attività. C’è anche una infermeria per suore anziane e malate che restano fino al 2002, quando con l’apertura della casa “Beata Sr Maria Romero” si trasferiscono a Cinecittà.

Nel 2003 Via Marghera non ha più opere esterne, ma rimane solo casa ispettoriale della nuova ispettoria unificata “S. Giovanni Bosco” e casa di accoglienza.

ROMA – M. AUSILIATRICE
Via Marghera, 59
00185  ROMA  
06/44.86.96.37
 
CASA PER FERIE – DISPONIBILITÀ SALONE   – 06/ 44.86.96.35   – 3292352419
CONTATTACI

Argomento della e-mail (richiesto)

REGOLAMENTO

La Casa per Ferie “Maria Ausiliatrice” è autorizzata dal Comune di Roma con Prot. n. QA/2018/41919 del 18/09/2018. E’ gestita dall’ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE” delle Salesiane di Don Bosco con sede legale in Roma, Via Marghera, 59 (00185).

L’attività di accoglienza della Casa per Ferie è orientata al soggiorno temporaneo di persone che condividono un percorso di Fede e di Spiritualità. L’Ente Ecclesiastico che gestisce la Casa per Ferie, nel perseguimento dei fini istituzionali di culto e di religione, realizza il proprio Carisma dedicandosi al servizio della Chiesa per il bene e la salvezza del prossimo nelle opere di evangelizzazione, di assistenza sociale, di beneficenza, di apostolato e di carità.

Le Figlie di Maria Ausiliatrice nella Chiesa sono Donne Consacrate che, vivendo in Comunità e stando in mezzo alla gente, esprimono la mistica di un amore radicale per Cristo. In semplicità e gioia vivono il servizio educativo ai Giovani. Coltivano una dedizione missionaria che apre la vita quotidiana ad ampi orizzonti apostolici. Inserite nella Chiesa locale, esprimono una cittadinanza attiva nel territorio e nella cultura di oggi.

La Casa per Ferie è gestita, al di fuori dei normali canali commerciali e promozionali, senza scopo di lucro, per cui l’accoglienza avviene secondo i seguenti principi ispiratori di seguito illustrati e a cui gli Ospiti dichiarano di aderire:

1) l’Ospite condivide gli ideali e le regole di condotta proprie dell’Istituto;

2) l’Ospite mantiene, durante il soggiorno, un comportamento ed un abbigliamento consoni e coerenti alla funzione sociale e religiosa della struttura;

3) l’Ospite rispetta gli orari d’ingresso e di uscita dalla struttura e ogni altra disposizione che la Direzione potrà emanare.

ACCETTAZIONE degli OSPITI

In base ai principi ispiratori del turismo sociale e dell’accoglienza religiosa, sono ammessi nella struttura ricettiva per un soggiorno temporaneo religiosi/e, nuclei familiari, gruppi parrocchiali, singoli e gruppi associati e comunque tutte le persone che condividono gli ideali religiosi e spirituali della Congregazione. Pertanto l’accoglienza è riservata non indistintamente a tutti gli utenti, bensì ai summenzionati soggetti che s’impegnino all’osservanza, durante il soggiorno, del presente Regolamento interno della Casa per Ferie, rispettando il carattere religioso dell’ambiente.

La Direzione della Casa per Ferie potrà verificare, caso per caso, le credenziali dell’aspirante Ospite, di certo senz’alcun intento discriminatorio, ma al solo fine di riceverne l’accettazione delle regole di comportamento e delle limitazioni di servizio per il periodo di permanenza.

NORME di COMPORTAMENTO

Il Regolamento della Casa per Ferie “Maria Ausiliatrice” è istituito per garantire a tutti un uniforme, ordinato, sereno e pacifico utilizzo della stessa. La richiesta di soggiornare presso la Casa per Ferie implica l’accettazione totale del presente Regolamento.

1) La prenotazione degli Ospiti si può effettuare inviando una richiesta scritta all’indirizzo di posta elettronica m.accoglienza@fmairo.net oppure telefonicamente e/o di persona attraverso il Soggetto preposto all’accoglienza o il Personale addetto al centralino della portineria dal lunedì al sabato nei seguenti orari: dalle ore 9.00 alle ore 13.00; dalle ore 15.00 alle ore 18.00.

2. Al momento dell’arrivo l’Ospite dovrà fornire un documento di riconoscimento valido per effettuare l’identificazione e la registrazione e firmare il modulo di Informativa Privacy secondo la normativa vigente (RGPD – Regolamento UE 2016/679).

3. L’Ospite è pregato di usare il massimo rispetto per il decoro della struttura e per la conservazione degli arredi messi a disposizione. La Direzione procederà per l’immediato risarcimento di eventuali danni e guasti cagionati dall’ospite, in qualsiasi ambiente della struttura, particolarmente all’arredamento e relative suppellettili.

4. L’Ospite, tenuto conto dell’ambiente religioso connotante la struttura, deve avere un contegno rispettoso verso tutti gli altri fruitori nonché verso l’Istituto Religioso titolare e gli altri operatori; nei locali comuni l’abbigliamento deve essere sobrio e decoroso.

5. La Direzione non risponde dei beni o valori lasciati incustoditi dall’Ospite nelle camere o nei locali comuni.

6. L’importo giornaliero del pernottamento è indicato su apposita tabella, affissa all’ingresso della Casa per Ferie e in ogni camera. Nell’importo non sono compresi eventuali servizi accessori richiesti. Si comunica, altresì, che il Comune di Roma Capitale, ha introdotto la tassa di soggiorno. Pertanto gli ospiti al termine di ciascun soggiorno dovranno corrispondere il contributo nella misura prevista.

7. La prenotazione è personale, non sono ammesse sostituzioni.

8. L’Ospite che interrompesse il soggiorno prima del termine stabilito non ha diritto ad alcun rimborso.

9. L’Ospite è tenuto a liberare la stanza entro le ore 9.30 del giorno di partenza, nonché a lasciare le chiavi nella toppa della porta. L’eventuale apri cancello va consegnato in portineria dietro restituzione della cauzione di € 10,00. In caso di smarrimento di chiavi e/o apri cancello l’ospite sarà tenuto all’immediato risarcimento. Qualora l’Ospite – terminato il soggiorno – portasse erroneamente le chiavi e/o il telecomando con sé è tenuto a dare comunicazione immediata alla persona del responsabile pro tempore e, a proprie spese, dovrà spedirli immediatamente alla sede della Casa per Ferie.

10. Si raccomanda vivamente di evitare rumori che possano recare disturbo alla serena convivenza particolarmente nelle ore pomeridiane e serali.

11. Non possono essere introdotte nelle camere persone estranee non registrate, senza il permesso della Direzione.

12. E’ vietato introdurre nella struttura animali domestici al seguito. 

13. All’interno della struttura e nelle camere è vietato fumare. Ogni trasgressione sarà soggetta a penalità secondo la normativa vigente. (art. 51 Legge 3 del 16/01/03). Agli Ospiti si richiede gentilmente di usufruire delle aree esterne alla Casa per Ferie per poter fumare.

14. Nelle camere è vietato usare bombole di gas, fornelli, stufe, bollitori, ferri da stiro.

15. Si raccomanda di avere cura di spegnere le luci nelle camere e nei bagni e il condizionatore di cui si chiede di azzerarne sistematicamente eventuale programmazione.

16. Il parcheggio delle auto degli Ospiti è consentito liberamente e gratuitamente, a mero titolo di cortesia e nei limiti di capienza, negli appositi spazi, con espressa esclusione di ogni obbligo o dovere di custodia in capo all’Istituto che non assume qualsivoglia responsabilità per eventuali danni.

17. Il servizio di portineria per l’accoglienza degli ospiti osserva il seguente orario: dalle ore 12.00 alle ore 13.00; dalle ore 14.00 alle 21.00. Eventuale ritardo o anticipo dovrà essere comunicato al Soggetto preposto all’accoglienza o al personale addetto al centralino della portineria.

18. Il rientro serale attraverso la portineria è fissato alle ore 21.00 (da ottobre ad aprile); alle ore 22.00 (da maggio a settembre). L’Ospite che dovesse per qualsiasi causa rientrare oltre l’orario di cui sopra è tenuto ad avvisare con congruo anticipo la persona responsabile pro tempore. Gli Ospiti che avessero necessità di rientrare oltre orario su indicato – in accordo con la persona responsabile pro tempore – possono ottenere, dietro cauzione di € 10,00, il telecomando del cancello di entrata presente in via Palestro n.74.

19. Ogni Ospite, dalle ore 21.00, è tenuto a bloccare il maniglione del portoncino di accesso alla casa per Ferie con apposita chiave consegnata insieme alla chiave della camera. Ogni danno provocato alla struttura a seguito di intrusione di esterni, a causa della mancata chiusura del portoncino, verrà risarcito dagli ospiti presenti nella Casa per Ferie.

20. La pulizia delle camere viene effettuata giornalmente e in ogni caso al cambio dell’ospite.

21. Il cambio della biancheria viene effettuato ogni tre giorni e comunque ad ogni cambio di Ospite.

22. La biancheria a disposizione va utilizzata unicamente per il fine previsto. E’ vietato utilizzare gli asciugamani per pulire il trucco oppure come tappeto in terra. Qualora tale regola venisse disattesa e venissero rovinati o macchiati gli asciugamani e/o lenzuola e/o federe, verranno addebitati all’Ospite € 5,00 per ogni capo rovinato.

23. Eventuali comunicazioni o reclami dovranno essere presentati alla Direzione della Casa per Ferie, nella persona del responsabile pro tempore, cui è demandata la diretta responsabilità del buon andamento della struttura.

24. L’accoglienza dei gruppi è possibile solo dietro cauzione totale di € 100,00 che verrà restituita – dopo apposito controllo dei locali usati – al termine del soggiorno.

In caso di emergenza si prega di contattare il numero: +39 329/2352419

NORME SULLA SICUREZZA E SALUTE DEGLI OSPITI

L’Ospite, fin dal momento dell’ingresso nella Casa per Ferie, deve informarsi, attraverso le indicazioni esposte, sulle procedure da seguire in caso di emergenza e prevenzione incendi. Le uscite di sicurezza si devono utilizzare solo in caso di emergenza.

Per il buon funzionamento del servizio, gli ospiti sono tenuti a segnalare ogni eventuale anomalia, guasto agli impianti, movimento di persone sconosciute, nonché a facilitare il personale nell’adempimento delle proprie mansioni. Ogni eventuale richiesta o rilievo dovranno essere rivolti alla Direzione. Per esigenze di servizio, sicurezza e di manutenzione, la Direzione dispone di una seconda chiave di ciascuna stanza e il personale dell’Istituto, in caso di necessità e urgenza, potrà entrare nelle stanze, anche per effettuare un controllo circa il rispetto delle norme contenute nel presente regolamento. In caso di malattia, deve essere avvisata la Direzione che, d’accordo con l’interessata/o, valuteranno l’eventuale chiamata degli operatori sanitari. La struttura ricettiva dispone di un pacchetto di medicazione per le piccole ferite, la cui custodia ed utilizzo sono delegati agli incaricati per le misure di primo soccorso. A tutela della salute di tutti gli Ospiti dell’Istituto è vietata la somministrazione da parte del personale di qualunque farmaco (analgesici, antipiretici ecc.)

Il rispetto di tutto quanto sopra si rende assolutamente necessario in quanto trattasi di un servizio per l’ospitalità svolta senza scopo di lucro nel perseguimento delle finalità istituzionali della Congregazione.

Dovendosi preservare la serenità degli alloggiati, le violazioni al presente regolamento, a seconda della gravità, comporteranno, da parte della Direzione, l’adozione dei provvedimenti ritenuti idonei alla soluzione del singolo caso, compreso eventualmente l’immediato allontanamento dell’Ospite.

Si raccomanda la puntuale osservanza di quanto sopra quale requisito imprescindibile per gli ospiti della Casa per Ferie “Maria Ausiliatrice”.

La Direzione si riserva di modificare in qualsiasi momento il presente Regolamento, che sarà disponibile in portineria, nel sito web dell’Istituto e in ogni camera della Casa per Ferie.

ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE delle Salesiane di Don Bosco
CASA PER FERIE “Maria Ausiliatrice"
CF 02501270587 – P. IVA 01066481001
 
Tel. 06 44 86 96 35 – Cell. 329 2352419