Roma Santa Maria Mazzarello

Scuola Paritaria Santa Maria Mazzarello
Scuola dell’infanzia e Scuola primaria
PGS
Catechesi Parrocchiale

Piazza S. Maria Ausiliatrice, 60

00181 Roma (RM)

Tel.  + 39 06/7803271

Fax. + 39 06/7843520

E-mail: mazzarello@fmairo.net

www.istitutomazzarello.org/

La casa dedicata a S. Maria Mazzarello, nel quartiere Tuscolano,  si apre il 9 novembre 1941. Già da quattro anni, due suore, provenienti dalla casa di Roma Via Appia, attendono all’Oratorio festivo femminile in aiuto alla Parrocchia “Maria Ausiliatrice”dei Salesiani. Per meglio dedicarsi al bene morale e spirituale delle giovani, si decide di aprire una casa e si prende in affitto parte della “Villa delle Vergini”, chiamata così perché abitata precedentemente da suore di vita contemplativa. Si apre una scuola materna, un laboratorio e si prosegue l’attività dei catechismi parrocchiali.

Le prime suore sono: Sr Nicolina Santarelli, Direttrice, Sr Emilia Petrucci,  Sr Speranza Minciarelli, Sr Mazzetti Evela, Sr Maria Virgili.

In seguito, inizia la scuola elementare privata, il doposcuola e le lezioni di musica; inoltre tre suore  si occupano anche del guardaroba dei salesiani dell’Istituto Pio XI, in attesa di aprire la casa “Mamma Margherita” nell’anno 1944, con la comunità addetta alle prestazioni domestiche.

Nel 1943 si ospitano alcune suore sfollate da Civitavecchia a causa dei bombardamenti. Nei mesi estivi si offre rifugio ad alcuni soldati alleati, ma nel mese di agosto degli aerei sorvolano la casa lanciando bombe e procurando vari danni. Per grazia di Dio le suore rimangono tutte illese, ma il 23 agosto, chiamate dall’ispettrice, abbandonano la villa, per rifugiarsi altrove. Tornano a riprendere l’attività l’11 ottobre, ringraziando Maria Ausiliatrice per i pericoli scampati. Sembra che la situazione sia più tranquilla, per cui si offre rifugio alle consorelle e a varie persone sfollate da Colleferro, da Minturno e da altre località. Le incursioni aeree però continuano fino al 4 giugno 1944, giorno della liberazione, quando finalmente si riesce a tornare alla vita normale.

Nel 1945 nell’ampio parco che permette di respirare l’aria salubre dei pini,  si inizia, per bambine e ragazze dai 3 ai 15 anni, la colonia estiva diurna.

Nel 1950 si compera la villa, di cui prima si pagava l’affitto.

Dal 1951, anno della Canonizzazione di S. Maria Mazzarello, viene solennizzata in modo particolare la sua festa, anche perché la santa era stata scelta come titolare della casa.

Nel 1954 iniziano i Corsi Professionali di tipo industriale, che si perfezioneranno sempre più con il passare del tempo.

Nello stesso anno la casa viene scelta come sede di Esercizi Spirituali, organizzati dall’ispettoria nel periodo estivo, per le ragazze delle nostre scuole e oratori. Sono tre giorni intensi di spiritualità a cui le giovani aderiscono numerose.  Li presiede la stessa ispettrice che per lo più rimane tutto il tempo con loro e si mette a disposizione di quelle che lo desiderano. Molte sono in un momento di discernimento sulla propria vocazione e spesso la preghiera e la riflessione di questi giorni le stimola alla decisione. Le giovani nel primo anno sono circa 85, ma in seguito cresceranno di numero.  Dal 1961 si terranno due turni. Nel 1965 anche un terzo, ma solo per adolescenti. Questa iniziativa si protrarrà fino al 1972, quando sarà sostituita da campi scuola e campeggi della Parola di Dio.

Durante il periodo scolastico nella casa si tengono gli Esercizi Spirituali anche per le alunne,  per le mamme e le cooperatrici.

Nel 1957 iniziano alcuni lavori  di ripulitura, di adattamento e di ampliamento degli ambienti, anche per l’ospitalità  di pellegrine che vengono a Roma da varie parti del mondo per visitare la città eterna e in particolare le Basiliche.

Nel 1961 viene inaugurata solennemente da S.E. Mons. Ettore Cunial, Vicegerente di Roma,  la cappella restaurata e viene consacrato il nuovo altare, secondo le ultime norme liturgiche.  

Nel 1962  si eseguono le gare sportive delle P.A.G. (Pie Associazioni Giovanili)  a cui sono invitate giovani di tutta l’ispettoria e che continueranno negli anni seguenti. Viene scelta questa casa per l’ampio cortile che si presta per i giochi: staffetta, corsa, pallavolo, pallaguerra, ecc. Le squadre vincitrici vengono premiate con le coppe.

Nel 1966 inizia la scuola per catechiste.

Nel 1977 vengono soppressi i Corsi di Formazione Professionale e si aggiungono due sezioni di scuola materna.

Nel 1979 nell’Oratorio Centro Giovanile, oltre ai gruppi di impegno formativi, si iniziano varie attività: la danza classica e la ginnastica artistica, in seguito pallacanestro, corso di chitarra, lezioni di pianoforte, ecc.

Le suore si prestano per le venti lezioni integrative nella scuola elementare statale vicina per qualche anno.

Nel 1992  l’Oratorio Centro Giovanile si svolge all’Istituto Pio  XI e alcune suore collaborano con gli SDB. Le attività quotidiane extrascolastiche si  svolgono in casa.

Il 13 maggio 1997 si inaugura solennemente la casa “Madre Mazzarello” completamente ristrutturata. A rendere più solenne la festa sono presenti: la Madre Generale, Sr Antonia Colombo con alcune sorelle del Consiglio, l’Ispettrice Sr Vera Vorlova’ con la segretaria, tante suore delle ispettorie romane, novizie, postulanti e i salesiani delle case vicine. La Concelebrazione è presieduta dall’Ispettore Don Gianluigi Pussino.  Segue come sempre un’agape fraterna.

Nel 2001 per tre anni entrano  nella casa alcune giovani aspiranti che trascorrono con la comunità il loro periodo di verifica e di orientamento.