Roma – Cinecittà – San Giovanni Bosco

635 Comments off dove, Lazio
Scuola Infanzia –  Primaria – Secondaria I Grado
Oratorio Centro Giovanile
PGS
VIDES
Corsi Formazione  Professionale
Catechesi Parrocchiale
Orientamento – COSPES

Il grandioso edificio in località Cinecittà viene costruito e donato dalla Società Immobiliare Tirrenia, allo scopo di favorire opere assistenziali a vantaggio della gioventù femminile.

L’“Asilo S. Giovanni Bosco” in Via Publio Valerio è la prima costruzione e si apre il 15 ottobre 1951 con la scuola materna, il laboratorio e l’oratorio festivo. Il quartiere è popolatissimo e la scuola ha uno sviluppo immediato

L’anno dopo si apre la scuola elementare maschile e femminile con il doposcuola. Intanto continua la costruzione nel terreno attiguo e man mano che sono pronte le aule vengono occupate con le varie sezioni di scuola materna ed elementare; le maestre fanno sempre parte della comunità dell’asilo, ma vanno a insegnare nell’altro edificio.

Nel 1957 l’Istituto Femminile S. Giovanni Bosco è terminato e si costituisce comunità a sé; l’asilo viene unito all’Istituto per la direzione e l’amministrazione.

Nel 1958 l’Asilo funziona indipendentemente dall’Istituto e rimarrà solo con la scuola materna. Il nuovo indirizzo è Piazza Decemviri, 6.

Fino a questo momento Sr Nicolina Santarelli rimane direttrice delle due case. Con il mese di ottobre e con la divisione delle due comunità, le Direttrici sono: per l’Asilo Sr Emma Carrara, per l’Istituto Sr Ena Scarponi.

L’Istituto femminile S. Giovanni Bosco, in Circonvallazione Subaugusta, 167, in seguito Via Palmiro Togliatti, 167, comprende le seguenti opere: scuola elementare maschile e femminile,  doposcuola, oratorio festivo, catechismi parrocchiali. Nello stesso anno, 1957, si apre la scuola media autorizzata, l’avviamento commerciale e il Centro di Addestramento Professionale per sartoria, ricamo e corrispondenti commerciali.

Il 4 agosto 1957 il Cardinale Protettore Benedetto Aloisi Masella benedice la nuova chiesa dell’istituto e il 5 agosto ha luogo la Vestizione di 14 novizie dell’Ispettoria romana.

Il 9 novembre 1957, per desiderio dell’ispettrice, le Aspiranti e Postulanti partono dalla casa di S. Rosa e si stabiliscono nell’istituto.

Il 30 aprile 1959 arriva da Torino l’urna del Fondatore, in occasione della consacrazione del Tempio di S. G. Bosco e della visita del S. Padre Giovanni XXIII. Seguono solenni festeggiamenti e si vivono momenti di grande gioia e di intensa commozione per tutta la comunità.

Nel 1962 iniziano nel mese di settembre i Corsi triennali estivi di catechesi, promossi dall’ispettoria, secondo le direttive della Madre Generale Madre Angela Vespa che in tutto il periodo del suo governo porrà un’attenzione particolare alla formazione catechistica delle suore.

Durante l’anno nel periodo successivo si terranno anche i corsi catechistici per le ragazze

Per alcuni anni, data la capienza della casa, vi si svolgono anche turni di Esercizi Spirituali delle suore.

Il   4 novembre 1964, per volontà dell’ispettrice Sr Angela Minonzio, le Aspiranti e le Postulanti si spostano nella casa attigua. Per motivi di spazi, le classi elementari maschili passano all’Istituto e nella casa con l’Aspirantato e il Postulato rimane solo la scuola materna e la catechesi parrocchiale.

Aspiranti e Postulanti dopo un periodo trascorso a Castelmadama, il 14 dicembre 1967 con un nuovo cambiamento torneranno a Castelgandolfo S. Rosa. La casa di S. Rosa che era rimasta disabitata dal 1957 per la partenza delle aspiranti e postulanti,  aveva ospitato in questi anni le suore anziane. Ora le suore anziane, lì residenti, passano alla scuola materna S. G. Bosco

All’Istituto intanto, nel 1968, vengono soppresse le sezioni maschili della scuola elementare e si dà inizio ai Corsi Superiori. Per disposizione delle Superiore e dietro richieste delle alunne della scuola media, si trasferiscono gradualmente, dall’Istituto Gesù Nazareno di Via Dalmazia, dove rimarrà soltanto il Liceo Classico, le classi Magistrali  con la parifica.

Cinecittà è un  quartiere di periferia molto popolato e dà la possibilità di accostare tanti giovani, sia nell’Oratorio, sia nella Scuola, sia nei Corsi di Formazione Professionale.

Si programmano numerose iniziative.

Dal 1974 al 1978 le suore della comunità dell’Asilo danno vita ad un oratorio maschile per i fanciulli delle prime tre classi elementari, con grande gioia della mamme che si dicono felici e riconoscenti dell’iniziativa. Si intensifica la prestazione in Parrocchia per la catechesi della prima comunione e della cresima e si organizza l’assistenza estiva ai bambini della scuola materna. Dal 1981 per circa due o tre anni due suore si recano nella scuola elementare “Don Rua” per le venti lezioni integrative di Religione, raggiungendo un totale di circa 200 fanciulli

Dal 1975 al 1980 all’Istituto si tiene  una scuola serale gratuita. Con il passar del tempo l’Oratorio-Centro Giovanile con le Associazioni del tempo libero, in particolare la PGS, hanno un grande sviluppo. Si organizzano campi scuola estivi, colonie diurne e soggiorni al mare.

Si presta servizio presso due Parrocchie vicine e si organizzano anche corsi privati.

Sono efficienti anche le associazioni “Unione ex-allieve”, Cooperatori salesiani e l’A.Ge.S.C. (Associazione Genitori Scuole Cattoliche).

Nel 1983 accanto all’Istituto Magistrale legalmente riconosciuto, inizia anche il Liceo Scientifico sperimentale con l’indirizzo biologico sanitario. Nel 1987 si dà inizio al Biennio  e Triennio sperimentale con tre indirizzi: Psicopedagogico sociale, Linguistico letterario moderno  e Biologico sanitario. Si dà anche l’avvio al centro di ascolto e di orientamento COSPES diretto da Sr Paola Semproni.

Negli anni successivi con le varie riforme del Ministero della Pubblica Istruzione la scuola sperimentale si trasforma nel  Liceo con vari indirizzi, mentre l’aggiornamento e la certificazione di qualità impegna docenti religiose e laici a tutti i livelli.

Nel 1991 si spostano dall’Istituto all’altra comunità le scuole elementari, dieci sezioni, e, dalla casa dell’Aquila, arrivano le Aspiranti e le Postulanti di varie ispettorie:  Romana S. Cecilia, Romana S. Agnese, Napoletana, Meridionale, Toscana, Veneta, Medio Oriente. Le superiore desiderano il cambiamento per offrire alle ragazze un’esperienza più ricca che solo Roma può dare, in quanto centro della Chiesa e dell’Istituto.

Nel 1997 le  aspiranti e le postulanti si spostano in  Via Appia.

L’11 settembre arriva la Direttrice Sr Marinella Scano per dare inizio ad una nuova opera: lo Juniorato, un anno intensivo di formazione salesiana in vista della Professione Perpetua;  nel mese di ottobre la raggiungono le suore, provenienti dalla Thailandia e dalle ispettorie italiane.

Nel 2000 la CII programma diversamente la formazione delle suore giovani e toglie l’anno di Juniorato intensivo.

La casa di nuovo cambia volto e si dedica pienamente all’attività della scuola materna ed elementare.

Successivamente inizia un tempo di discernimento e per decisione delle Superiore, nell’anno 2011, si realizza l’unificazione delle due comunità di Piazza dei Decemviri e del viale P. Togliatti. Con la chiusura del Liceo, nel 2010, vengono ristrutturati e rinnovati i locali di viale Palmiro Togliatti e, nel settembre 2011, vi ritorna la scuola Primaria seguita, nel settembre 2012, dalla scuola dell’Infanzia.

SCUOLA PARITARIA S. GIOVANNI BOSCO


Viale Palmiro Togliatti 167
00175 Roma
Centralino: 06 71546419 – fax 0671075066
cell. segreteria: 3485361393
Scuola primaria: 3287107569
Scuola Infanzia: 3929939211
Scuola Secondaria di I grado: 3929847007